Home > Pubblicazioni

Un viaggio di riscoperta del nostro territorio attraverso antiche cartografie, scritti storici e testimonianze orali di vita locale di primo novecento del territorio livornese, fino al reportage dell’obbiettivo ultratecnologico di una macchina fotografica che coglie tutta la bellezza degli animali selvatici nei loro habitat, fissandone luci, colori, movimenti e atteggiamenti che spesso hanno dell’incredibile.
Protagonisti sono il territorio della pianura pisano-livornese, le frazioni colligiane e le antiche aree palustri dal piede delle colline livornesi sino alle aree oggi incluse nel Parco Naturale Regionale di Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli), attraverso riflessioni sull’assetto del territorio, sulle trasformazioni del paesaggio, sulla conservazione della natura e l’utilizzo ecosostenibile delle sue risorse, quale occasione di valorizzazione e sviluppo di economia di qualità.
Il volume è disponibile contattando: asscultgaia@gmail.com
Un viaggio di conoscenza e di amore per il patrimonio naturale dei nostri territori che vuol'essere un invito alla divulgazione e alla rilettura del territorio, un'occasione di discussione e confronto per non “abituarsi” alla devastazione del territorio e per conoscere tratti di vita quotidiana “ai tempi del padule” direttamente dalla voce degli anziani del luogo.
Il volume, valido strumento di supporto anche nell’ambito di percorsi multidisciplinari di educazione ambientale e di microstoria locale negli istituti scolastici, è completato dalle fotografie di Valerio Desideri, medaglia d'oro alla coppa del mondo 2010 di fotografia naturalistica, attento osservatore della bellezza della natura che rivive attraverso i suoi “Ritratti di Natura”.
Il volume è stato presentato alla Libreria GAIA SCIENZA di Livorno il 16 maggio, alla biblioteca comunale di Collesalvetti nell'ambito della Notte Clara del 18 luglio e e il 20 luglio durante l'evento "Natura sotto le Stelle" presso il centro di educazione ambientale di biologia marina Villa Celestina di Castiglioncello e al Museo di Storia Naturale di Rosignano Solvay, riscuotendo grande consenso da parte del pubblico.